I Solisti Aquilani

con i “solisti” DANIELE ORLANDO e ROCCO ROGGIA

Artisti

I SOLISTI AQUILANI

DANIELE ORLANDO, violino

ROCCO ROGGIA, violino


Brani

JOHANN SEBASTIAN BACH, Concerto Brandeburghese n° 3 

Concerto Brandeburghese n° 6

ALFRED SCHNITTKE, Concerto Grosso n. 1 

Daniele Orlando e Rocco Roggia, violini solisti


Altre informazioni

Allievo di Antonio Anselmi, Felice Cusano e successivamente di Denes Szigmondy, discendente della scuola di Zino Francescatti e Carl Flesch, Daniele Orlando si è in seguito perfezionato con Ana Chumachenco e Boris Kuschnir. A soli 17 anni ha debuttato come solista con il Concerto di P. I. Tschaikowsky diretto da Donato Renzetti che di lui ha scritto: “…dotato di una straordinaria musicalità e di una tecnica virtuosa, il Concerto da lui suonato è stato esemplare sia dal punto di vista tecnico che nel temperamento dimostrato….credo senza ombra di dubbio che Daniele Orlando sia una delle scoperte più importanti tra le nuove generazioni di violinisti.” Ha tenuto concerti come solista e in formazioni da camera negli Stati Uniti, America Latina, Russia, Germania, Francia, Romania, Repubblica Slovacca, Portogallo, Grecia, Irlanda e Svezia. Per lunghi anni è stato membro della Gustav Mahler Jugend Orchester, della European Union Youth Orchestra e dell’ Orchestra Mozart diretta da Claudio Abbado. Dal 2014 è Primo violino di spalla dei Solisti Aquilani con i quali ha collaborato, anche come solista e konzertmeister, con artisti quali Shlomo Mintz, Krzysztof Penderecki, Mischa Maisky, Salvatore Accardo, Alessio Allegrini, Giovanni Sollima, Andrea Lucchesini, Alessandro Carbonare, Mario Brunello, Michele Campanella, Anna Tifu, Richard Galliano, Vera Beths e Marco Rizzi esibendosi, in Italia e all’estero. Alla loro guida, nel novembre del 2016, ha debuttato come solista alla Philharmonie di Berlino con l’esecuzione delle “Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi, ricevendo una “standing ovation” dagli oltre 1.200 spettatori presenti. A seguito di questa straordinaria esperienza è nato il progetto “Una Nuova Stagione”, un inno alla Natura incontaminata scritto nel settecento che oggi incontra un Uomo diverso, vittima e carnefice dell’ambiente distorto, inquinato ed alterato in cui vive. Una interpretazione “nuova e forte” del capolavoro vivaldiano che ha ottenuto, per il grande messaggio ambientalista che contiene, il Patrocinio del Parlamento Europeo. Il primo giugno del 2017, in occasione del Concerto per la Festa della Repubblica Italiana, ha eseguito, in duo con Giovanni Sollima e I Solisti Aquilani, il doppio concerto per violino e violoncello di Gaetano Donizetti in diretta televisiva su RAI 1 dal Salone dei Corazzieri del Palazzo del Quirinale alla presenza del Presidente della Repubblica e delle più alte cariche istituzionali. Ha al suo attivo numerose incisioni discografiche per etichette quali Fuga Libera, Naxos, Tactus,  Brilliant Classics e Muso. Docente di violino al Conservatorio di Musica “Nino Rota” di Monopoli, tiene numerosi corsi e masterclass di violino in Italia e all’estero. Suona su un Giovanni Battista Ceruti del 1805.

 

 

Rocco Roggia è nato a Foggia il 15 settembre 1995. Si è diplomato presso il Regio Conservatorio di Musica ‘San Pietro a Majella’ di Napoli con votazione 10 lode e menzione nel 2014. Presso la medesima istituzione porta a compimento gli studi di secondo livello con votazione 110 lode e menzione nel 2017. Prosegue gli studi presso l’ Accademia Nazionale di Santa Cecilia durante il trienni 2014-2017 sotto la guida di Sonig Tchakerian. Successivamente si perfeziona presso la Scuola di Musica di Fiesole sotto la guida di Lorenza Borrani nel 2018. Accompagnato per molti anni della sua formazione dalla guida del M Felice Cusano, arricchisce costantemente la sua formazione in numerosi seminari e masterclass con docenti di fama internazionale tra cui: Marco Rizzi (Accademia Perosi di Biella), Francesco Manara (Violino di Spalla Scala di Milano), Gabriele Pieranunzi (Violino di Spalla Teatro San Carlo di Napoli), Simone Bernardini (Terzo Posto Berliner Philarmoniker), Salvatore Quaranta, Francesco de Angelis (Violino di Spalla -Scala di Milano), Daniele Orlando (Violino di Spalla- I Solisti Aquilani). Si è esibito in  qualità di solista e in formazioni di musica da camera presso varie associazioni concertistiche quali: Amici della Musica di Lucera, Reate Festival, Associazione William Walton, Accademia di Santa Cecilia, Scuola di Musica di Fiesole, Associazione Mozart-Italia, i Solisti Aquilani ecc. Ha collaborato con numerose orchestre: Teatro San Carlo( Napoli), Fondazione Petruzzelli (Bari), i Solisti Aquilani (Spalla dei Secondi Violini), Spira Mirabilis, Young Talents Orchestra ( Violino di Spalla), Orchestra Scarlatti di Napoli ( Violino di Spalla), Orchestra Cherubini, Colibrì Ensemble, Orchestra Leonore (Pistoia) e Royal Concertgebow( Borsista presso la Slokar Academy di Lubjana). Ha avuto il privilegio di collaborare con direttori di fama internazionale tra cui: M J. Conlon, M R. Muti, M K. Penderecky, F. Biondi ( in qualità di Spalla dei secondi violini), M A.Shaburov ( Concertino dei Secondi Vioilni), M D. Gatti (RCO ) e musicisti del calibro di Anna Tifu, Giovanni Sollima, Richard Galliano, Ericson Ruiz, Sergey Nakariakov, Fedor Roudin e tanti altri. Si è esibito in numero formazioni cameristiche e orchestra da camera in Italia e all’estero tra cui: L’Aquila-Auditorium del Parco (Quintetto con pianoforte-Michele Campanella), Roma-Parco della Musica, Milano-Sala Verdi, Dusserldorf, Colonia, Parlamento Europero, Montecitorio, Bratislava-Old Marker Hall, Lubjana-Union Hall, Napoli-Teatro Sannazaro, la Spezia-Teatro Civico, Kaunas (Sala della Filarmonica Nazionale).

 


Dove e quando

27 Aprile 2022 - 18:00
L'Aquila - Auditorium del Parco