Attività Concertistica

Vai a Concerti

I SOLISTI AQUILANI e Adriano Walter Rullo


diretti da Aurelio Canonici

Data e luogo

L'Aquila, 22 febbraio, venerdì - Auditorium del Parco ore 18.00


Artisti

I SOLISTI AQUILANI

AURELIO CANONICI, direttore

ADRIANO WALTER RULLO, chitarra


Brani

GIANVINCENZO CRESTA                                     “Elogio dell’incertezza” per chitarra, archi e percussioni (commissione dei Solisti Aquilani - prima esecuzione assoluta)

HORACIO SALGAN                                                A fuego lento

CARLOS DI SARLI                                                   Bahia blanca

MASSIMILIANO TISANO                     Tango para mi juventud

OSVALDO PUGLIESE                                           La Yumba

BELA BARTÓK                                                         Danze rumene

BENJAMIN BRITTEN                                              Simple symphony

Curricula

Adriano Walter Rullo è nato a Bienne (Svizzera), nel 1964. Ha iniziato i suoi studi di chitarra a Roma con il M° M. Gangi presso il Conservatorio di S. Cecilia dove ha conseguito il diploma con il massimo dei voti nel 1986. 

Dopo aver proseguito il lavoro con il M° J.L. Lopategui a Barcellona,  intraprende nel 1989 un corso di studi con il M° Alberto Ponce presso l’ Ecole Normale de Musique de Paris, dove ottiene nel 1992, il I° premio al Concorso Superiore d’ Esecuzione.           

Nel 1993  viene  premiato al prestigioso  Concorso Internazionale di Radio France, e da allora svolge un’ importante carriera concertistica che lo ha portato ad esibirsi come solista e con orchestra  in numerosi festival di musica in Francia, Italia, Spagna, Svizzera, Argentina (Festival International de Guitare de Paris, Sala Olivier Messiaen della Maison de Radio France di Parigi, Parco della Musica di Roma, Duomo di Monreale di Palermo, Sala della Sopracenerina di Bellinzona, Politeama di Lecce,  …….)

Ha registrato per la televisione italiana (RAI), per la radio francese (Radio France) e un C.D. Danze per la EM Recording,  

Dal 1997 al 2006  ha studiato composizione con il M° Eduardo Ogando.

Ha partecipato all’esecuzione di Le Marteau sans Maitre di Pierre Boulez con la cantante Alda Caiello, per il Festival Suona Francese, festival proposto dall’Ambasciata di Francia in Italia e da Culturesfrance in collaborazione con “ Il Corriere della Sera” e Radio Tre RAI .

Dal 2008 fa parte del PMCE (Parco della Musica Contemporary Ensemble), con cui ha eseguito la prima esecuzione in Italia di Little Imber del compositore georgiano Guiya Kancheli, presso il Parco della Musica di Roma.

E’ il fondatore  dell’Ensemble Notturno Concertante con cui ha eseguito in prima mondiale ed in prima italiana, l’opera “ Quintetto Notturno Concertante” per chitarra e quartetto d’archi del  compositore italiano Fabio Vacchi, opera tra le più complesse del repertorio cameristico con chitarra, presso il Teatro Municipal di Bahia Blanca(Argentina) e presso il Museo d’Arte Contemporanea MAXXI a Roma. Quest’ultimo concerto è stato recensito in maniera lusinghiera dal critico Sandro Cappelletto sulla rivista Classic Voice del mese di marzo 2013. 

Ha tenuto recentemente, 21 marzo 2014, presso il  Parco della Musica di Roma, un importante recital di chitarra per la rassegna “Contemporanea”. 

Come organizzatore di eventi ha curato, in qualità di  direttore artistico, la rassegna “Incontri musicali di primavera” presso la chiesa di S.Costanza   ed “Insieme Musica” presso Palazzo Barberini di Roma.

Ha insegnato presso i conservatori francesi di S. Cloud, Veneux les Sablons, Vulaines sur Seine.  Attualmente insegna presso il conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino. 

Hanno scritto di lui alcune importanti testate giornalistiche internazionali come Les Cahiers de la Guitare, La Nazione, La Repubblica, Nueva Provincia, Classic Voice.

Aurelio Canonici ha recentemente diretto la Messa dell’Incoronazione di Mozart in Vaticano, nella Sala Nervi, ricevendo i complimenti dal Santo Padre Papa Francesco. Nelle ultime stagioni è stato sul podio della Seoul OrchestraKiev National Presidential Orchestra, Sofia PhilharmonicBudapest Concert OrchestraOrchestra Nazionale della Radio di VarsaviaSinfonietta Cracovia, Istanbul State Symphony OrchestraWürttembergische Philharmonie Reutlingen e Sinfonieorchester Wuppertal (Germania), Capella Cracoviensis (Polonia), Arpeggione Kammerorchester (Austria) e alla Sala Sinfonica dell’Auditorio National de Musica di Madrid.

Nel luglio 2016 la Continuo Records ha pubblicato “Between Earth and Heaven”, un CD interamente dedicato alla musica di Aurelio Canonici eseguita da un cast di prestigiosi esecutori.

E’ stato Direttore Artistico della Sezione Sinfonica “Richard Wagner” del prestigioso Ravello Festival dove ha diretto in numerose edizioni. Qui ha avuto l’onore di dirigere il primo Concerto all’alba sinfonico, concerto che, visto il crescente successo, è stato poi invitato a replicare per otto anni consecutivi, assieme all’Orchestra dell’Opera di Cracovia, con la Filarmonica Verdi di Salerno, con la Nuova Scarlatti di Napoli e con la Savaria Symphony Orchestra.

Diplomato in Pianoforte, laureato in Filosofia, si è perfezionato in Direzione d’orchestra alla celebre Accademia di Vienna (Hochschule für Musik). Nel giro di pochi anni ha poi diretto i Virtuosi di Santa Cecilia, l’Orchestra I Pomeriggi musicali, l’Orchestra Internazionale d’Italia, l’Orchestra Nazionale della Radiotelevisione Moldava (al Teatro Carlo Felice), l’Orchestra Nazionale della Radio di Bucarest, l’Opera Nazionale di Varsavia (La Traviata), le Filarmoniche di Cracovia, Katowice, Stettino e al Festival Wratislavia Cantans di Breslavia. Ha inciso a Varsavia un CD (Bellini, Leoncavallo, Tosti, Bixio) con il tenore Ryszard Karczykowski e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Radio. Inoltre è stato direttore ospite all’Opera di Cracovia (Un Ballo in maschera, Rigoletto, La Bohème). La sua nuova produzione di Rigoletto è stata recensita da tutta la stampa nazionale come uno tra gli spettacoli musicalmente più riusciti degli ultimi anni.

Ha anche diretto programmi di contaminazione con la musica Jazz (Miles in the Sky, per i 15 anni dalla scomparsa di Miles Davis) e con il Rock (Concerto grosso per i New Trolls, eseguito con l’Orchestra Yaso e disponibile su CD e DVD per l’etichetta BMA).

Ha collaborato con prestigiosi solisti come Michele Campanella, Massimiliano Damerini, Paolo Restani, Gilda Buttà, Filippo Gamba, Francesco Libetta, duo pianistico Paola Biondi – Debora Brunialti, Guy Touvron, Ciro Scarponi, Giovanni Angeleri, Edoardo Zosi, Anna Tifu, Paul Potts, Luca Canonici, Francesca Patanè e Eugenij Nesterenko.

Sue composizioni musicali sono state pubblicate sul CD Open Dialogues for Emotional Melodies per le “Edizioni Musicali Rai Trade”. Sempre per le edizioni “Rai Trade” è successivamente uscito il CD “Orchestral Movements”. Aurelio Canonici ha firmato per Rai 1 la Colonna sonora del documentario in quattro puntate “La Valigia con lo Spago”. Sempre per Rai 1 ha composto la colonna sonora del documentario “Musulmani Europei” (Edizioni “Rai Trade”) e, per Rai 2, per il film d’animazione “Spaghetti Western in the Water”. Nel 2012 è uscito il CD di musica sacra contemporanea intitolato Al sorgere del Sole: brani di Alessandro Benassai e Tommaso Palamidessi orchestrati da Aurelio Canonici alla guida della Budapest Mav Symphony Orchestra.

L’editore Le Cáriti ha pubblicato il suo libro “Musica e Sofia – Problematiche filosofiche nell’opera di Richard Wagner”. Recente è la pubblicazione di “Uno alla volta per carità” (Castelvecchi Editore, Roma, 2016), libro nel quale Aurelio Canonici analizza la musica del Barbiere di Siviglia di Rossini.

Aurelio Canonici affianca all’attività concertistica quella didattica, essendo Docente titolare della cattedra di Esercitazioni orchestrali presso il Conservatorio “Alfredo Casella” dell’Aquila.


GIANVINCENZO CRESTA,

dopo i diplomi in pianoforte e composizione si è dedicato allo studio della musica del secondo novecento ed ha pubblicato il volume Le possibilità del molteplice, Rugginenti Editore, Milano 2000 e circa 40 tra saggi ed articoli su problematiche storico-analitiche. E’ il curatore del volume L’ascolto del pensiero – Scritti su Luigi Nono – Rugginenti Editore, Milano 2002.

Per la composizione ha svolto gli studi di perfezionamento presso la Scuola di Musica di Fiesole con Giacomo Manzoni. E’ uno dei compositori più attivi della sua generazione:  il suo catalogo prevede oltre a brani solistici, lavori per ensemble, voci, orchestra ed elettronica.

La sua musica viene regolarmente eseguita nei festival più importanti: Biennale di Zagabria, Festival Cervantino di Città del Messico, Opéra Bastille di Parigi, Festspielhaus Hellerau di Dresda, Parco della Musica di Roma, Grame di Lyon, Museo Guggenheim di Bilbao,  Mozarteum di Salisburgo. Nel 2012, su commissione di Radio France, ha composto “In amoroso canto” per il Festival Présence 2013. La sua musica è stata trasmessa da VRT belga, Rai Radio Tre e Rai Tre, TVE2, Radio France.

Collabora stabilmente con solisti del calibro di Christophe Desjardins, Rohan de Saram, Pascal Gallois, Claude Delangle, Rachid Safir e l’Ensemble XXI di Parigi e tanti altri.

Ha inciso per Arts, Stradivarius, Tempi Moderni, Rainbow classic, Niccolò, Konsequenz, Aliamusica record, Digressione music. Le sue composizioni sono edite da Rai Trade, Rugginenti, Stradivairus, Berbén. Studi critici sulla sua produzione compositiva sono contenuti in: Enciclopedia dei Compositori Italiani, Pagano Editore; Napoli 2001, a cura di R. Cresti;

L’Arte innocente – Le vie eccentriche della musica contemporanea, a cura di Renzo Cresti, Rugginenti Editore, Milano, 2004; Renzo Cresti, I linguaggi delle arti e della musica, Edizioni il Molo, Viareggio, 2007; Renzo Cresti, Fare musica oggi: difficoltà e gioie, Marco Del Bucchia Editore, Lucca, 2010.

Nel maggio 2014 la prima di Alle guerre d’amore, con Guido Balestracci, l’Ensemble L’Amoroso e Christophe Desjardins, è stata trasmessa in diretta da Parigi su France Musique ed è un Cd, registrato all’IRCAM, per Digressione music.

Nel 2015 ha composto Hinneni – Alle madri rifugiate su un testo di Erri  De Luca (commissione di Radio France – Festival Présences 2016) per l’Orchestra Filarmonica di Radio France.

Nel 2016 ha ottenuto il sostegno del Ministero della Cultura e Comunicazione francese per la scrittura di De l’Infinito per sei voci ed elettronica su testo di Giordano Bruno.

Insegna Teoria dell’Armonia e Analisi presso il Conservatorio “D.Cimarosa” di Avellino.